Home  >  Salute uomini  >  I check up per l’uomo da fare a 40 anni

I check up per l’uomo da fare a 40 anni

Sei arrivato alla soglia degli “anta” e ti stai chiedendo quali sono i check up per l’uomo da fare a 40 anni? Eccone 7 indispensabili.

Arrivati ai 40 anni, è importante prestare maggiore attenzione alla prevenzione ed eseguire check up periodici. I controlli medici permettono di diagnosticare in maniera precoce alcune patologie e di curarle tempestivamente. Ecco dunque 7 indispensabili check up per l’uomo da fare a 40 anni.

1- Analisi del sangue

Oltre al comune emocromo, è importante fare un controllo dei livelli di glicemia, di colesterolo totale, del colesterolo “buono” (HDL) e di quello “cattivo” (LDL). Tenere sotto controllo questi valori, permette, nel caso qualche valore fosse fuori norma, di intervenire tempestivamente ed evitare danni più seri in futuro.

2- Controllo del testosterone

Il testosterone è un ormone importantissimo che aiuta a mantenere in equilibrio l’organismo. I livelli di testosterone diminuiscono fisiologicamente dai 35-40 anni. Se il valore, però, diventa troppo basso, potrebbero presentarsi: maggior rischio di malattie cardiovascolari, disfunzione erettile, depressione osteoporosi. Per valutare i livelli di testosterone, è sufficiente un esame del sangue.

3- Tra i check up per l’uomo da fare a 40 anni vi è la misurazione della pressione arteriosa

L’ipertensione arteriosa può causare gravi disturbi cardiovascolari, come infarto, insufficienza cardiaca e emorragie cerebrali. Nella maggior parte dei casi, però, non dà sintomi. Perciò, l’unico modo per sapere se si è ipertesi, è misurare la pressione almeno una volta all’anno. Si parla di ipertensione arteriosa quando i valori della pressione arteriosa massima superano i 140 mmHg o i valori della pressione minima i 90 mmHg.

4-Screening del colon-retto

La ricerca del sangue occulto nelle feci è in grado di identificare il 25% dei tumori del colon-retto. Questo esame è consigliato a partire dai 45 anni.

5- Controllo della funzionalità della tiroide

Si pensa comunemente che l’ipotiroidismo sia una malattia solo femminile, ma in realtà ne soffrono anche parecchi uomini. Una diminuzione dell’attività della tiroide nell’uomo può provocare calo del desiderio, eiaculazione ritardata e disfunzione erettile. Superati i 40 anni è opportuno dunque sottoporsi a una visita endocrinologica e al dosaggio degli ormoni tiroidei (Tiroxina-T4 e Triiodotironina-T3, regolati dall’ormone TSH).

6- Controllo dei nei

Dai 40 anni in poi è buona norma fare una visita dermatologica con controllo dei nei,  da ripetere con frequenza variabile a seconda del rischio individuale (ad esempio pelle chiara e familiarità̀ per i tumori cutanei).

7- La visita oculistica è tra i check up per l’uomo da fare a 40 anni

Intorno ai 40 anni si inizia a fare i conti con la comparsa della presbiopia, ossia la difficoltà a vedere da vicino. L’oculista valuta anche la presenza di patologie come la cataratta e la degenerazione maculare. È opportuno effettuare una visita almeno ogni 2 anni.

Cristina Caramma

 (Credits foto: medwellness.it/da-cibo-a-sport-consigli-per-una-sana-funzione-sessuale-maschile/)

Written by maria luisa

Leave a Comment