Home  >  Salute  >  La contraccezione. Una (lunga) storia a lieto fine

La contraccezione. Una (lunga) storia a lieto fine

La contraccezione. Una (lunga) storia a lieto fine

La storia della contraccezione ha radici lontane. Ne abbiamo testimonianza già dall’antico Egitto, dove si usavano ovuli a base di… sterco di coccodrillo. Ma anche nell’antica Cina, dove invece erano le bevande a base di mercurio e piombo ad essere usate per scopi anticoncezionali. Ma anche nel secolo scorso la fantasia si è data da fare: negli anni 50’ perfino la Coca-Cola è stata usata per la sua “presunta” azione spermicida!

Oggi la contraccezione ha nomi e procedure nuove. Per fortuna!

 Per le donne italiane la novità arrivo negli anni ’70, quando fece il suo ingresso in Italia la pillola anticoncezionale.  Una rivoluzione culturale, che ha scandito le rivendicazioni dei movimenti delle donne (non solo d’Italia), che rivendicavano non solo la loro parte di piacere sessuale, ma anche il sacrosanto diritto a svincolarle dall’obbligo della procreazione.

 La pillola anticoncezionale, un’amica dell’apparato riproduttivo delle donne

I vantaggi che offre la pillola vanno oltre la copertura anticoncezionale (ormai al 99%). Eccone alcuni:

Una panoramica sulle opzioni contraccettive ormonali di ultima generazione

Oggi le donne hanno a disposizione una vasta scelta di possibilità: la contraccezione ormonale è sicura, tagliata per le diverse esigenze e per le diverse tipologie di donne: dalla contraccezione ormonale orale a quella di emergenza. È importante che le giovani donne siano messe al corrente di queste novità.
Ecco una lista aggiornata:

  • Spirale a base di progesterone (levonorgestrel) Contraccezione ormonale
  • La pillola al “naturale”, ovvero monobasico a base di estrogeni naturali
  • La pillola “stagionale” che si prende per 91 giorni consecutivi. Dura quanto la durata delle vacanze dei giovanissimi 
  • Il cerotto ”trasparente” con misure molto contenute (6 cm.)
  • La pillola del giorno dopo di nuova generazione.

 Cristina Perrotti
(Redazione VediamociChiara)

http://www.chiedialladottoressa.com

 

Written by Chiedialladottoressa

Leave a Comment