Home  >  Benessere  >  Invecchiamento mentale, come mantenere il cervello attivo?

Invecchiamento mentale, come mantenere il cervello attivo?

10 consigli per mantenere il cervello attivo e contrastare l’invecchiamento mentale.

Con l’avanzare dell’età, anche il cervello, come gli altri organi del nostro corpo, va incontro a cambiamenti. Questi cambiamenti sono legati alle principali funzioni cognitive come la memoria, l’attenzione, la velocità di elaborazione delle informazioni. Il cervello, è un muscolo, e al pari degli altri nostri muscoli, per mantenersi in forma e non indebolirsi deve lavorare e “allenarsi”.

Per fortuna, esistono delle abitudini quotidiane che permettono di migliorare le prestazioni cognitive e mantenere il cervello attivo e allenato.

Queste abitudini prevengono e ritardano il decadimento cognitivo dovuto all’invecchiamento mentale.

1-Svolgi attività che stimolano la mente.

Come leggere un bel libro, fare rebus e cruciverba o comporre dei puzzle. Leggere è un potente stimolo per il cervello poiché attiva molte reti di neuroni, diverse a seconda del contenuto del testo. Cruciverba, rebus e puzzle, ti aiutano a esercitare memoria e capacità di connessione.

2-Esercita la memoria per mantenere il cervello attivo.

Evita di ricorrere sempre alle tecnologie anche per risolvere le questioni più semplici, perché ciò impigrisce il cervello e la memoria. Fai i calcoli a mano, prova a ricordare gli appuntamenti, i numeri di telefono e le ricorrenze senza l’aiuto dell’agenda. Usa meno il navigatore satellitare e cerca di memorizzare i tragitti in città.

3-Coltiva un hobby.

Seguire un hobby costituisce un ottimo esercizio per mantenere giovane il cervello. Gioca a carte (aiuta memoria e intuito), disegna, scatta fotografie, dipingi. Impegnati in attività manuali che presuppongono una sequenza, come prenderti cura di un piccolo orto.

4-Per mantenere il cervello attivo, inizia a suonare uno strumento.

La musica stimola il cervello e suonare uno strumento mette in circolo la dopamina, il neurotrasmettitore del buonumore, con effetti positivi su tutto il corpo.

5-Scrivi un diario.

Scrivere è un modo per concentrarsi su se stessi, riflettendo sugli eventi e raccontandosi i propri pensieri più profondi. Farlo quotidianamente aiuta il cervello a mantenersi attivo e concentrarsi sugli episodi più importanti, liberando la mente dalle “scorie” esterne.

6-Rompi la routine per mantenere il cervello attivo.

Abituati a spezzare la routine ogni tanto, lasciando perdere gli schemi abituali. Allenare il cervello ad affrontare gli imprevisti e i cambiamenti mantiene più alte le nostre capacità celebrali. Bastano piccole cose: fai un percorso diverso per rientrare a casa, truccati con un’altra mano rispetto a quella che usi di solito, prova un nuovo bar.

7-Prenditi cura di un animale.

Prendersi cura di un animale, oltre a sconfiggere la solitudine, ha dei benefici cognitivi che derivano dall’avere una serie di faccende da ricordare e svolgere. Dal dare da mangiare ad una certa ora, a ricordarsi gli appuntamenti col veterinario.

8Coltiva le relazioni sociali.

Vivere relazioni sociali intense e gratificanti, ci aiuta a mantenere sempre attive le nostre strutture cognitive, favorendo la rigenerazione neuronale e attivando i centri di rilascio della dopamina. Questo ormone è fondamentale per contrastare l’insorgenza della depressione, che è all’origine dell’Alzheimer.

9-Per mantenere il cervello attivo, fai attività fisica.

Una regolare attività fisica è collegata ad un aumento della materia grigia nell’ippocampo, un’area del cervello cruciale per la memoria. Provoca veri e propri effetti rigenerativi nelle zone cerebrali “malate” a causa della depressione. Si possono ottenere benefici anche con una semplice camminata a passo sostenuto di 30 minuti, per 3 volte la settimana.

10Dormi bene.

Il sonno serve al cervello per riorganizzare le informazioni che ha acquisito di giorno. Eliminando le connessioni inutili che si sono create tra i neuroni e cancellando quindi le informazioni superflue.  Numerosi studi hanno dimostrato che dormire poco e male contribuisce al declino cognitivo ed al rischio di demenza.

Cristina Caramma

(Credits immagine: 101clipart.com/people-playing-cards/)

Written by maria luisa

Leave a Comment