Home  >  Psicologia  >  Perchè gli uomini stressati non parlano

Perchè gli uomini stressati non parlano

Quando ha un problema, l’uomo lo analizza mentalmente.

Quando ha un problema, l’uomo lo analizza mentalmente. Ciò accade, perche’, non possiede un’area cerebrale specifica per il linguaggio. Per questo un uomo preoccupato si chiude in se stesso e tace. Utilizza l’emisfero cerebrale destro per tentare di risolvere la difficoltà e smette di usare quello sinistro, preposto all’ascolto e alla funzione verbale. Il suo cervello, può fare solo una cosa per volta, perciò non è in grado di  trovare soluzioni e, simultaneamente, ascoltare o parlare. Per una donna il silenzio risulta spesso penoso e, talora, allarmante. L’uomo , viceversa, vede spesso la propensione  a condividere i problemi con gli altri, soprattutto con un terapeuta, come un grande segno di debolezza. Una famosa scultura di Rodin simboleggia un uomo intento a riflettere: seduto su una roccia, è alla ricerca di soluzioni e, per trovarle, ha bisogno di restare solo; nessuno può avvicinarlo, nemmeno il suo migliore amico, il quale, peraltro, non  si  sognerebbe mai  di farlo. Una donna invece, sen te il bisogno di raggiungerlo per confortarlo e, quando viene rifiutata, subisce un grave trauma. Se Rodin avesse creato una scultura femminile, l’avrebbe probabilmente intitolata ‘’ la Parlatrice’’. Le donne dovrebbero capire che, quando un uomo è ‘’seduto sulla roccia’’, va lasciato solo a meditare, affinché risolva i problemi e ritorni sereno e aperto al dialogo. Molte interpretano, invece, il silenzio come mancanza d’amore o come un segno di collera, poiché, solitamente, quando una donna tace significa che è infuriata o preoccupata.

Usare le capacità spaziali per risolvere i problemi.

I diversi modi di ‘’ sedere sulla roccia’’ degli uomini moderni includono leggere il giornale,  giocare a tennis, a golf, andare a pescare, aggiustare oggetti guasti o guardare la televisione. E’ molto probabile che un uomo in fase meditativa inviti un amico a giocare a golf e che, durante la partita, scambi con lui solo poche parole. In questa situazione ricorre all’emisfero destro sia per utilizzare le facoltà spaziali necessarie a giocare sia per elaborare allo stesso tempo le possibili soluzioni al problema.

 

Written by Chiedialladottoressa

Leave a Comment